Come applicare il protocollo di legalità con le tecnologie digitali

da TopNetwork il 23 April 2020

Le tecnologie digitali aiutano le stazioni appaltanti a eseguire il protocollo di legalità nei cantieri edili, aumentando la sicurezza per gli acquisti di materiali e forniture e garantendo il controllo di tutte le attività svolte dalle imprese.

Ricordiamo che ai sensi dell’art. 83 del decreto legislativo 159/2011 (Codice delle leggi antimafia), prima di stipulare contratti e subcontratti che riguardano lavori, servizi e forniture in ambito pubblico, è necessario acquisire la documentazione antimafia, allo scopo di contrastare le infiltrazioni mafiose negli appalti pubblici.


Strumenti per la verifica e la certificazione antimafia degli appalti

Ci sono diversi strumenti digitali che consentono di applicare con la massima trasparenza, completezza e accuratezza il protocollo di legalità. Tra le soluzioni “smart” spicca la gestione documentale integrata prevista dai software per gli appalti. Questi software sono sviluppati per facilitare il più possibile la raccolta dei dati e delle informazioni che le stazioni appaltanti richiedono ai loro fornitori e sub-fornitori.

L’obiettivo è gestire con un unico database centralizzato tutti i documenti acquisiti in formato elettronico: ciò permette di aggiornare costantemente l’anagrafica delle imprese così come il settimanale di cantiere, verificando che tutte le procedure degli appalti siano svolte nel pieno rispetto del protocollo di legalità.

In particolare, gestire il flusso di documenti con un archivio digitale consente di rendere più semplici e veloci diverse operazioni: non solo la raccolta di dati e informazioni e il loro aggiornamento, ma anche la condivisione dei file con altri soggetti, ad esempio gli enti preposti alle attività di verifica.

Ecco alcuni aspetti che si possono controllare per la certificazione antimafia del protocollo di legalità, grazie agli strumenti digitali della gestione documentale:

  • Caratteristiche dei contratti stipulati con fornitori e sub-fornitori.

  • Flussi finanziari, pagamenti delle commesse e correlazioni tra imprese e conti correnti.

  • Avanzamento dei lavori.

  • Rispetto delle tempistiche e della quantità/qualità dei materiali utilizzati.

  • Controllo degli accessi nei cantieri con codici QR e-o sistemi di intelligenza artificiale.

 

Sicurezza e protocollo di legalità

Un punto che merita di essere approfondito è che le tecnologie digitali consentono di sviluppare applicazioni molto evolute per aumentare la sicurezza nei cantieri; il concetto di “sicurezza” va inteso in senso ampio, quindi non solo come tutela dell’incolumità fisica degli operai e riduzione degli incidenti sul lavoro, ma anche come controllo degli accessi ai fini del protocollo di legalità.

Così gli strumenti digitali dei software appalti - come la gestione integrata dei documenti - si possono abbinare a soluzioni basate sull’intelligenza artificiale (IA).

In particolare, i sistemi di computer vision per il riconoscimento di persone e oggetti sono un prezioso alleato per chi deve applicare il protocollo di legalità.


Applicazioni del protocollo di legalità con l’intelligenza artificiale

Vediamo di seguito qualche esempio di come applicare il protocollo di legalità attraverso le tecnologie di riconoscimento persone e oggetti, in modo da contrastare possibili infiltrazioni mafiose nella filiera degli appalti e subappalti:

  • Rilevamento delle targhe degli automezzi in entrata/uscita dalle aree di cantiere, incrociandole con i database delle forze dell’ordine per verificare l’intestazione e la provenienza dei veicoli.
  • Rilevamento biometrico per verificare se il personale possiede le autorizzazioni per accedere a determinate zone di lavoro in cantieri, fabbriche, uffici, magazzini. Le possibili configurazioni di rilevamento biometrico sono molteplici: telecamere fisse, sensori ottici montati su droni, lettura di tesserini con chip biometrici.
  • Controllo degli accessi e gestione delle presenze con rilevamento della biometria facciale dei dipendenti. Il software di riconoscimento facciale può estrapolare i volti da riprese video in tempo reale, per poi confrontare i tratti biometrici rilevati sul campo con quelli inseriti nelle diverse categorie di un database, ad esempio il database di un ente preposto alle attività di verifica per il protocollo di legalità (prefettura).
  • Monitoraggio in tempo reale dei flussi di persone e mezzi nei cantieri. Ciò permette di verificare costantemente quante persone stanno lavorando nelle diverse zone, quali attrezzature/materiali stanno utilizzando e quali veicoli sono in movimento.


New call-to-action

Topics: Protocollo di legalità

Condividilo su: