Ecco come usare i droni per il monitoraggio ambientale

I droni stanno rivoluzionando il monitoraggio ambientale.

La possibilità di sfruttare una prospettiva aerea, filmati a infrarossi e l’analisi mediante Intelligenza Artificiale semplifica la valutazione di contesti ambientali eterogenei come boschi, panorami alpini, bacini idrici, e l’utilizzo in settori molto diversi come ad esempio l’agricoltura di precisione e la ricerca di discariche abusive. I droni permettono di sorvolare in sicurezza zone spesso pericolose – perché remote o complesse da attraversare a piedi o con un veicolo – e di registrare filmati in alta definizione con sensori intelligenti, che possono, per esempio, analizzare la tipologia di superficie del terreno oppure valutare la presenza di determinati gas.

Il monitoraggio ambientale con i droni rappresenta una soluzione efficiente e avanzata che integra i più recenti sviluppi tecnologici: Intelligenza Artificiale, sensoristica avanzata, telecamere ad alta definizione e connettività mobile a bassa latenza.


Perché usare i droni per il monitoraggio ambientale

Uno dei grandi vantaggi di effettuare il monitoraggio ambientale con i droni  è la possibilità di effettuare regolarmente osservazioni dall’alto senza ricorrere agli aerei o alle immagini satellitari a bassa risoluzione. Al livello tecnologico a cui si è arrivati oggi, è possibile utilizzare i droni per effettuare interventi di precisione, analisi dettagliate e valutazioni strategiche garantendo l’assoluta sicurezza degli operatori sul campo. Un esempio può certamente essere la valutazione dell’impatto di nuove cementificazioni su suoli caratterizzati da morfologia e conformazione geologica particolare.

I droni permettono di catturare e trasmettere facilmente immagini in tempo reale: caratteristica essenziale, ad esempio, in caso di problemi che occorre valutare e gestire sul momento (come lo sversamento di sostanze o materiali in acque adiacenti a strutture industriali o aree residenziali).

I droni hanno un’autonomia adeguata a ispezioni prolungate, possono raggiungere velocità considerevoli e possono volare a diversi metri di altezza. Ciò permette quindi di sorvolare aree di grandi dimensioni e zone impervie e altrimenti inaccessibili e di effettuare valutazioni approfondite anche sui parametri chimici e biofisici di un ambiente.


Il ruolo dell’IA nel monitoraggio ambientale con i droni

Non bisogna pensare ai droni solo come uno strumento tecnologico per riprendere dall’alto, per esempio, una zona di serbatoi per lo stoccaggio di sostanze oleose o una raffineria. La possibilità di accedere a una visuale simile è senz’altro molto utile nell’ambito di attività di monitoraggio periodico; ma grazie a sensori evoluti e agli algoritmi dell’intelligenza Artificiale, i più moderni droni sono in grado, non solo raccolgono informazioni, ma di elaborarle già in volo, e di trasmettere alla piattaforma IoT solo i dati rilevanti perché possano essere confrontati con serie storiche e con altre fonti quelli già presenti relativamente ai siti o ai contesti ambientali in esame, potendo redigere relazioni con livelli di approfondimento e precisione maggiori.

Il drone è diventato quindi un alleato fondamentale per il monitoraggio ambientale in quanto si è evoluto in un vero e proprio “computer volante”, con capacità computazionali. Per esempio, i droni possono quantificare il contenuto di clorofilla nelle piante e analizzare le tipologie di superfici.


Come usare i droni per il monitoraggio ambientale

L’uso dei droni per il monitoraggio ambientale, quindi, garantisce molteplici benefici.

Usare i droni significa poter accedere a un bagaglio di informazioni altrimenti invisibile a occhio nudo o tramite la strumentazione a terra, ma anche di recuperare campioni di acqua o di terra in zone difficili da raggiungere per il personale: ciò significa poter effettuare un’analisi diretta di cosa sta accadendo e poter agire più in fretta per mitigare un problema; oppure poter agire prima ancora che il problema si mostri e quindi prevenire un danno ambientale.

Per un monitoraggio ambientale di qualità, regolare e avanzato, quindi, i droni sono ormai indispensabili.


White-Paper_intelligenza artificiale e riconoscimento immagini e oggetti