Ripensare agli uffici nel new normal: cosa devi sapere

Da quando la pandemia imperversa, gli effetti negativi sono stati innumerevoli. Tuttavia, tra le conseguenze non trascurabili, ci sono quelle che riguardano il mondo del lavoro. Per attenersi ai rigidi protocolli contro la diffusione della pandemia e del contagio, la maggior parte delle aziende ha optato per il lavoro agile, o smart working.

Nell’epoca pre-Covid erano infatti poche le realtà, spesso quelle più avanzate tecnologicamente, che avevano già deciso di adottare il lavoro da remoto. Una volta confermati i protocolli per l’emergenza sanitaria, le aziende pronte non hanno subito particolari disagi. Diversamente, tante organizzazioni di diversa natura e settore hanno impiegato mesi per raggiungere un equilibrio accettabile.

Oggi, ai tempi del new normal, la prospettiva di convivere con il virus a lungo termine ha convinto anche i manager più reticenti ad adottare lo smart working e a ripensare agli uffici in un’ottica del tutto nuova. Ecco gli elementi da considerare per agire in questa direzione con consapevolezza.


Dal lockdown al new normal: cosa è cambiato

Ai tempi del new normal occorre essere lungimiranti, reinventando e predisponendo gli spazi di lavoro affinché siano compatibili con i protocolli in vigore.

Laddove la presenza del personale fosse gradita ma non necessaria, gli uffici e le aziende hanno incentivato, volenti o nolenti, lo smart working (o home working). A partire dal periodo di lockdown, il personale ha potuto toccare con mano i vantaggi (e perché no, anche gli svantaggi) del lavoro agile. Di conseguenza, le organizzazioni hanno dovuto predisporre nuovi strumenti, materiali e processi affinché i dipendenti potessero proseguire nelle loro mansioni anche da remoto.

Diversamente, qualora la presenza fosse inderogabile, gli spazi sono stati spesso completamente trasformati. Questa soluzione, combinata al social distancing, al rispetto delle nuove norme igieniche e all’utilizzo di DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) è ciò che ha permesso (e che permetterà) di affrontare serenamente il ritorno al lavoro in presenza e di convivere con il virus.


Ripensare agli uffici nel new normal

Ripensare agli uffici nel new normal significa prendere in considerazione diversi aspetti. La necessità di trasferire le attività in modalità smart working ha mostrato come molte realtà fossero colpevolmente in ritardo sulla timeline della Trasformazione Digitale. Non è infatti possibile pensare di reinventare gli uffici dell’azienda senza rivolgere i propri sforzi, allo stesso tempo, nell’innovare le attività e i processi stessi che avvengono al suo interno.

Dunque, mentre gli spazi devono riflettere il rispetto delle linee guida sanitarie, è anche necessario ammodernare i propri sistemi, investendo sia in soluzioni hardware, come webcam di qualità, ma anche in infrastrutture software più performanti, come tutte quelle piattaforme in cloud che rendono il lavoro più fluido e agile. Naturalmente senza dimenticare privacy e sicurezza dei dati, non solo del personale, ma anche dei propri sistemi e della locazione degli stessi.


Arriva il supporto delle ultime applicazioni digitali

Nel futuro prossimo, la presenza in ufficio non sarà possibile per tutti i dipendenti contemporaneamente. Piuttosto, è probabile che i nuovi uffici saranno frequentati sulla base di turni ben programmati. Il digitale arriva in soccorso delle imprese anche in questo ambito: grazie alle ultime applicazioni è possibile rendere prenotabili gli spazi di lavoro in real time. Sempre consultabili e a portata di mano, tali sistemi permettono un rapido ed efficace sistema di organizzazione e pianificazione per la fruizione degli spazi da parte di più persone.

Questa è solo una delle tante soluzioni che sono state implementate dalle aziende in poco tempo, ancora meglio, da quando il social distancing e le nuove pratiche igieniche sono diventate una costante nel nostro quotidiano. Con il supporto di questi strumenti, sarà finalmente possibile offrire al personale una soluzione in più che garantisca il ritorno in ufficio in tutta sicurezza.


White-Paper_intelligenza artificiale e riconoscimento immagini e oggetti